Quando il terremoto diventa storia. Quello del Belice compie 50 anni

Il terremoto

Terremoto-Belice-1968.1Dopo le prime scosse accadute nel pomeriggio e nella serata del 14 gennaio causando danni limitati, un terremoto di magnitudo pari a 6.3 della scala Richter alle 3.01 del mattino del 15 gennaio 1968 si abbatté su un’area fra le province di Agrigento, Trapani e Palermo più nota come valle del Belice. Completamente distrutti i paesi di: Gibellina, Montevago, Salaparuta e Poggioreale. Morirono 400 persone . Fu una tragedia di proporzioni immani. L’Unità titolo così:

 

La ricostruzione

Oggi il bilancio di una ricostruzione lacunosa e fatta di progetti pensati per molti ma poi utilizzati da pochi abitanti. Impossibile ricavare numeri certi. Solo fino al 1990 gli stanziamenti ammontavano circa 4 miliardi di Euro. In questa somma sono contabilizzati anche i costi per le molteplici infrastrutture destinate all’intera Sicilia Occidentale.

La presenza della mafia fu costante, le scelte basate su criteri discutibili. La ricostruzione è terminata ma i paesi colpiti dal sisma si sono svuotati.  Molti centri furono ricostruiti altrove.

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies tecnici" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti" Puoi avere maggiori dettagli visionando l'informativa estesa . Proseguendo con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all'uso dei suddetti cookies.